Anno VIII -


Una tardiva iniziativa

FALSI   INVALIDI

Come sempre si poteva fare più presto, quindi… meglio

 

di Antonio Laganà

 


Difendiamo la Pubblica Amministrazione dagli sciacalli(02.05.2009) - Col titolo  "Falsi invalidi"  è stata  data notizia che “ è iniziata la campagna di verifica , da parte dell'INPS , sulle pensioni di invalidità , che si concluderà  il 31/12/ 2009.
Gli accertamenti riguarderanno i titolari di prestazioni di invalidità  civile, sordità e cecità  e saranno di carattere sanitario e reddituale “.


Ci domandiamo… -  e crediamo di non essere i soli ma di essere in … buona compagnia   di voi tutti Lettori - perchè l' Istituto di Previdenza Sociale ha aspettato sino a Marzo 2009 per mettere in chiaro la situazione  delle false pensioni di invalidità!
La   “campagna di verifica “ poteva essere iniziata già da tempo, in quanto le verifiche incrociate con i dati della Motorizzazione Civile erano pronte ed a disposizione da sempre, presso i rispettivi archivi. Riteniamo che qualunque Ente che si rispetti abbia sempre avuto un archivio funzionale ed organizzato, dal quale si potessero estrarre  tutti i dati necessari per verifiche e relativi incroci con quelli detenuti da altri. Certamente, l' informatizzazione ha oggi reso più comode e rapide le verifiche  ed i controlli che prima potevano comunque essere eseguiti.

sede Inps

Una tempestiva campagna di verifica, quindi, avrebbe evidenziato le indebite erogazioni di denaro pubblico ai soliti ....furbi, che si presume siano tanti in tutto il Paese, consentendo una migliore gestione economica e finanziaria da parte dell' INPS nel campo delle pensioni e rendendo, non ultimo, un servizio fondamentale per l’intero Paese e per ognuno  – e sono tanti – di ancora onesti Cittadini!
 
Questo MultiBlog viene aggiornato senza alcuna periodicità e non può considerarsi un prodotto editoriale,
né è contraddistinto da una testata giornalistica ai sensi della L. n.62 del 7/3/2001.
Questo MultiBlog non concede spazi ad inserzioni pubblicitarie di alcun genere.
Ogni Blogger si assume ed a pieno titolo, la responsabilità civile e penale dei propri scritti.
Alcune delle immagini pubblicate nel presente blog, sono state scaricate da internet, ritenendole di pubblico dominio.
Ove i soggetti effigiati o gli autori delle stesse ritenessero esser stati lesi loro diritti,
le stesse saranno immediatamente rimosse esplicitamente pubblicando ed in bell'evidenza,
le motivazioni di detta rimozione, a soddisfazione e riparazione dei diritti di cui sopra.

indirizzo e-mail
altrastampa.net@libero.it

indirizzo PEC
alfredo.labate@pec.giornalistilombardia.it.